Interrompiamo le catene fasulle!

Vi sarà sicuramente capitato di ricevere una mail come questa:

>> Oggetto: Leucemia – Per favore leggete di seguito
>>
>> Se la cestinerete davvero non avete cuore.
>> Salve, sono un padre di 29 anni. Io e mia moglie abbiamo avuto una vita
>> meravigliosa.
>> Dio ci ha voluto benedire con una bellissima bambina.
>> Il nome di nostra figlia è Rachele. Ed ha 10 anni. Poco tempo fa i dottori
>> hanno rilevato un cancro al cervello e nel suo piccolo corpo.
>> C’è una sola via per salvarla è operare.
>> Purtroppo, noi non abbiamo denaro sufficiente per far fronte al costo. AOL e
>> ZDNET hanno acconsentito per aiutarci.
>> L’unico modo con il quale loro possono aiutarci è questo: Io invio questa
>> email a voi e voi inviatela ad altre persone. AOL rileverà la traccia di
>> questa e-mail e calcolerà quante persone la riceveranno.
>> Ogni persona che aprirà questa e-mail e la invierà ad altre persone ci
>> donerà 32 centesimi.
>> Per favore aiutateci

Altre mail simili chiedono un donatore compatibile per un trapianto di midollo spinale, ecc.

Le catene in questione risalgono a molti anni fa. Alcune sono vere (probabilmente lo sono, almeno inizialmente, quelle con richieste di donatori compatibili), altre sono totalmente inventate (come questa, in cui un provider dovrebbe, non si capisce poi perchè, donare soldi a fronte dell’invio di …SPAM!!).

Anche le catene che originano da una richiesta vera, se risalgono a mesi o anni prima, sono ormai inutili.

In tutti i casi, per prendere la decisione giusta (inoltrare o cestinare tranquillamente?), c’è un semplicissimo sistema:

  • si fa una veloce ricerca su un motore di ricerca (es. Google), inserendo fra virgolette un pezzetto della mail ricevuta, aggiungendo accanto la parola “bufala”

Esempi:

  • “nome di nostra figlia è Rachele” bufala
  • “AOL rileverà la traccia di” bufala
  • “un padre di 29 anni. Io e mia moglie” bufala

Cliccando QUI , QUI, e QUI ottenete il risultato delle ricerche, e potete constatare che tutti riportano molti siti che dimostrano che quella catena è una bufala.

Se il testo è in inglese, e con “bufala” non comparisse niente, provate anche con “hoax” che è l’equivalente.
Prima di inoltrare una catena, è sempre bene fare questa ricerca, per far cessare allarmi inutili (e inutili rotture di scatole) in modo che circolino solo le catene realmente vere e urgenti.

Ora vi prego di far girare questo link a tutti quelli che vi hanno spedito catene di recente, in modo da far sì che questa informazione circoli il più possibile.

Per i più pigri, ecco un esempio di email già pronta da inviare:

Ciao, ho trovato questo trucco per capire se una catena è vera o è una bufala, credo sia da utilizzare per evitare gli allarmi inutili e le rotture di scatole, e far girare solo le catene vere e urgenti:

https://emanuelepreda.wordpress.com/2008/05/15/interrompiamo-le-catene-fasulle/

Annunci

One thought on “Interrompiamo le catene fasulle!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...