La mia battaglia per Welby su Wikipedia

Ogni tanto contribuisco a qualche voce di Wikipedia.

La voce su Ruini è una di quelle che tengo d’occhio, non perchè mi interessi il cardinale, ma perchè alcuni zelanti contributori continuano ad oscurare una parte della verità su quanto accaduto.

I cardinali Tonini e Ruini hanno utilizzato la parola suicidio, nonostante sia vero che: Continua a leggere

Quanto conviene abolire le Province

Ogni tanto si sente dire “le province sono inutili, andrebbero abolite”. Mi son chiesto se era una baggianata e ho deciso di fare due conti. Ci ho messo un po’ a trovare i dati, ma quello che ho trovato è incredibile.

La somma dei bilanci delle 107 province italiane nel 2006 è di 115mila milioni di euro.

Una parte di questi soldi sono stati restituiti ai cittadini sotto forma di servizi: manutenzione strade, scuole, ecc. Quanti? Solo il 27% della somma dei bilanci: 31 miliardi. Poco più di 1/4. Il restante 73%, TRE QUARTI (84 miliardi) viene sprecato Continua a leggere

Problemi, scandali… parliamo anche di soluzioni?

Migliaia di mail in circolarità sommano scandali a quelli che già quotidianamente ci comunicano giornali e telegiornali.

Vogliamo piantarla, e iniziare a concentrarci su una soluzione?

L’unione fa la forza, e noi ci troviamo già in democrazia: non dobbiamo conquistare il potere con le armi, ma semplicemente usarlo, con il voto!

Non ha senso scannarci in un dibattito infinito per scegliere la proposta migliore o voler imporre la propria. Bisogna sceglierne una, fosse anche a caso, e partire da Continua a leggere

Il paese dei furbetti

Cito una delle tante recensioni dei lettori de “La Casta” di Stella e Rizzo:

Ecco, siamo il paese dei furbetti. Un paese di sciocchi che non sanno fare altro che mungersi l’un l’altro. Chi non batte lo scontrino, chi getta le carte per terra, chi non paga il biglietto dell’autobus, chi va alla riunione di condominio come se andasse in guerra, chi quando apre una nuova cassa al supermercato supera tutti e da ultimo diventa primo, chi passa sulla corsia di emergenza, chi è dell’idea “faccio come fanno tutti”, chi tace quando chi ci ha rimesso non è lui. Siamo una società tanto priva di senso civico che riunirci in una comunità democratica moderna è quasi una forzatura. Continua a leggere