Secondo il Catechismo il Papa è in stato di peccato mortale!

Il Card. Ruini, nel 2006 ancora Presidente della Cei, e il Card. Tonini, Vicario di Roma, dichiararono a fine dicembre 2006 e di nuovo a settembre 2007 una serie di menzogne:

  • definirono ripetutamente “suicida” Welby (comunicato stampa del vicariato di Roma, 22 dicembre 2006)
  • Tonini dichiarò di non aver potuto concedere il funerale a causa di un articolo del diritto canonico che però non era applicabile, essendo applicabile solo ai suicidi (ibid.)
  • Tonini dichiarò che Welby avrebbe ripetutamente e pubblicamente affermato la propria volontà di porre fine alla propria vita mentre Welby ha ripetutamente affermato il contrario: di amare la vita, ma di non volere più l’accanimento terapeutico, chiedendo semplicemente di essere sedato e che gli fosse staccata la respirazione meccanica. (ibid.)
  • Tonini tornando sull’argomento 9 mesi dopo, dichiarò <<concedere il funerale sarebbe stato come dire “il suicidio è ammesso”>> (ANSA, comunicato stampa del 5 settembre 2007)

Cosa chiedeva Welby?

« Vita è la donna che ti ama, il vento tra i capelli, il sole sul Continua a leggere

Eluana: la chiesa contraddice se stessa

A Welby vietarono il funerale dicendo che era un suicida confesso. Non credo che avranno coraggio di rifarlo anche con Eluana, anche se la spina è stata staccata perchè la Cassazione ha ritenuto valide le prove portate circa il fatto che fu lei ad esprimere questo parere quando poteva farlo, cioè 17 anni fa.

E’ bene ricordare però che le dichiarazioni di Welby e quelle di Eluana, non erano di “volersi Continua a leggere

La mia battaglia per Welby su Wikipedia

Ogni tanto contribuisco a qualche voce di Wikipedia.

La voce su Ruini è una di quelle che tengo d’occhio, non perchè mi interessi il cardinale, ma perchè alcuni zelanti contributori continuano ad oscurare una parte della verità su quanto accaduto.

I cardinali Tonini e Ruini hanno utilizzato la parola suicidio, nonostante sia vero che: Continua a leggere

Il relativismo non c’entra, c’entra il pluralismo etico

Vi propongo questo bellissimo articolo di Claudia Mancina, pubblicato su http://www.ilriformista.it, con cui concordo pienamente.

La Chiesa, e quindi l’Osservatore romano, hanno sicuramente il diritto di esprimere pareri e formulare giudizi su tutti i fatti e gli eventi della vita pubblica italiana, anche su Continua a leggere

Welby, non fu omicidio di consenziente

Prosciolto Mario Riccio, il medico che staccò la spina


ROMA – Piergiorgio Welby aveva il diritto di chiedere che fosse interrotto il trattamento medico cui era sottoposto; l’anestesista aveva il dovere di assecondare questa richiesta dell’esponente radicale. Per questo il Gup di Roma Zaira Secchi ha prosciolto dall’accusa di “omicidio di conseziente”, con la formula “perchè il fatto non costituisce reato”, Mario Riccio, l’anestesista che il 20 dicembre scorso interruppe la ventilazione meccanica aiutando Welby a morire.

«Oggi è stato Continua a leggere

Il Vaticano vieta i funerali religiosi a Welby

23 dicembre 2006

Mi sembra lampante la totale impietosità di questa reazione della chiesa romana. Mi sembra insensibile e disumano citare, pienamente a sproposito, freddi riferimenti a canoni del catechismo/del codice di diritto canonico per negare quel conforto religioso che Carla e Mina Welby chiedevano.

Ancor più che, non essendoci ancora gli esiti degli esami tossicologici, la chiesa che solitamente è sempre così lenta e prudente, avrebbe dovuto scegliere di “affidarsi alla misericordia” piuttosto che optare per un giudizio di condanna!

Questo contegno, scelto solo per motivi politici, mi sembra diametralmente opposto al contegno di Gesù Cristo, come emerge Continua a leggere