Sulla dignità della prostituzione e della sua fruizione

Un amico giornalista, Giovanni Panettiere, scrive in una mailing list a cui sono iscritto:

Come sapete un paio di giorni fa a Bologna è stata uccisa una prostituta, CHRISTINA IONELA TEPUR. E’ successo nel quartiere Borgo Panigale che è ad altissima concentrazione di lucciole. (…) è inaccettabile che ci siano ancora tante ragazze sulle strade, alla mercè di maniaccia e di clienti capaci di usarle e, purtroppo, anche di ucciderle; è inaccettabile in una città civile e democratica dover assistere a una tragedia di questo tipo. (…) vogliamo far sentire la nostra vicinanza a queste donne inchiodate al legno ogni sera ai bordi delle strade per soddisfare le bramosie Continua a leggere

Perchè sono sparite le porte di Bologna?

Forse sono stato distratto, e per questo chiedo l’aiuto di tutti i bolognesi, che spero più attenti, più informati o …più fortunati di me. Qualcuno ha mai visto qualche operaio entrare o uscire da uno dei cantieri delle porte di Bologna?

Le porte di Bologna (tranne Porta Saragozza) da quasi un’anno Continua a leggere

Tavola Valdese: Caro dottor Letta, no grazie

Maria Bonafede, moderatore della Tavola Valdese interviene su un aspetto del ddl sulle intercettazioni telefoniche.
Come è stato ben evidenziato da alcuni organi di stampa, nelle pieghe del disegno di legge governativo in materia di intercettazione telefoniche approvato all’unanimità nel Consiglio dei ministri dello scorso 13 giugno, vi è una norma che suona decisamente Continua a leggere

Mi son rotto i c*gli*ni dell’Authority della Comunicazione

A tutto c’è un limite.

AGCOM è l’autorità garante per le telecomunicazioni. E’ stata costituita nel ’97 dal Parlamento Italiano per regolare il mercato delle telecomunicazioni, dopo la liberalizzazione, e vigilare sull’effettiva concorrenza e trasparenza.

Ma AGCOM è stata garante della concorrenza e quindi degli utenti, o piuttosto dei grandi Continua a leggere